Mini Cart

E’ un Evento molto particolare quello che ARIES srl, sempre attenta e disponibile alla crescita professionale dei propri collaboratori, operatori, clienti. L’idea nasce dalla moltitudine di richieste e dal notevole interesse suscitato dal lancio della nuove linee di prodotti CLOUD e BERGANEEM dedicate in modo particolare ai nostri amici felini.  Lo STAGE GRATUITO che sarà incentrato sul sistema di lavoro professionale per i Gatti, si terrà in una location  d’eccezione – L’Hotel Selene di Pomezia,  in Via Pontina km 30 – Roma. Allo Stage possono partecipare tutti coloro che si iscriveranno entro e non oltre il 10 Settembre 2017. Le iscrizioni e le prenotazioni del pranzo di lavoro dovranno pervenire ad ARIES srl entro e non oltre la data comunicata. Per ulteriori informazioni è possibile contattare la segreteria Aries srl – info@ariessrl.eu

Il tema dello Stage è particolarmente specialistico e l’attenzione dei due Maestri Elisabetta Cammalleri – e Luca Fogli sarà riservata particolarmente a sua maestà il Gatto. L’amico fedele delle nostre case e dei nostri giardini che merita veramente un trattamento e un’attenzione molto particolare!

Questo il programma che potrete anche trovare sui nostri profili Social o richiedendolo per mail a :  info@ariessrl.eu

Stage Gratuito

In una location  d’eccezione
Hotel Selene
Pomezia, Roma – Via Pontina km 30
Programma
“il trattamento che tutti i gatti si meritano”

GESTIONE COMPORTAMENTALE

DEL GATTO IN TOELETTATURA

ATTREZZATURA IDONEA PER L’INCOLUMITÀ DELL’ANIMALE

 

VISIONE E SPIEGAZIONE DETTAGLIATA

DEL BAGNO IN RELAZIONE ALLE TIPOLOGIE DEL PELO

TOSATURA: TUTTA LA CORRETTA PROCEDURA PER UN OTTIMO RISULTATO

SENZA CREARE DANNI AL GATTO

Presentazione della Nuova Linea “CLOUD”

Partecipano i Maestri: 

Elisabetta Cammalleri  e Luca Fogli
per prenotazioni:  info@ariessrl.eu – tel 3931769652
E’ possibile prenotare un pranzo al costo di 25 euro
tramite Bonifico Bancario, intestato a Aries Srl, Causale Pranzo Stage del 17/09/2017
Iban: It 57 R 01010 16320 1 0000 0000 713 – Inviare copia del Bonifico effettuato a: amministrazione@ariessrl.eu
TERMINE PRENOTAZIONI 10 SETTEMBRE

ARIES srl PRESENTE A  ZOOMARK DI BOLOGNA FIERE PER L’EDIZIONE 2017

Aries srl ’ sarà presente con uno Stand a tema, completamente rinnovato sia nell’immagine sia nei prodotti esposti,  allo “Zoomark International 2017”, l’unica fiera professionale B2B in Italia e la seconda in Europa sui prodotti e le attrezzature per gli animali da compagnia. La Fiera Si svolgerà dall’11 al 14 maggio 2017 presso il Quartiere fieristico di Bologna. L’ultima edizione del 2015 aveva fatto registrare uno straordinario successo. Vi avevano partecipato 615 espositori (di cui 394 esteri provenienti da 35 Paesi), su una superficie di 45mila mq. Il numero dei visitatori aveva raggiunto in totale i 22.299, di cui 15.526 buyer italiani e 6.773 esteri provenienti da 85 Paesi. Aries non poteva mancare ad un evento così importante a livello Internazionale e con uno sforzo organizzativo non indifferente, presenterà due nuove Linee di Prodotti professionali ai Distributori e Commercianti Nazionali e Internazionali. Per quanto riguarda gli ultimi dati sulla manifestazione  “Zoomark 2017” ci sono interessanti e numerose novità, iniziando dal nuovo Look e da una nuova immagine per comunicare di “Zoomark 2017”. il nuovo layout sarà declinato su tutti i materiali promozionali, oltre che sui futuri allestimenti fieristici. Un nuovissimo sito web ufficiale www.zoomark.it, che sarà online a breve., tutto per descrivere più efficacemente l’evoluzione di questa importante fiera.  Il Direttore Generale Antonio Bruzzone, ha annunciato il nuovo tratto moderno, di grande impatto e di respiro internazionale, del quale la fiera si è dotata. Aries anticipando e seguendo questo modo di Comunicare, si presenterà a “Zoomark 2017” con un nuovo Look sia per quanto riguarda i layout di comunicazione, i nuovi Packaging dei prodotti, il Merchandising e ultimo ma assolutamente nuovo e molto curato, un nuovo Sito Web www.ariessrl.eu con un negozio on Line aperto 24 ore su 24.  Questo strumento di informazione e di business ci permetterà di raccontare tutto il mondo degli animali da compagnia, di dare spazio ai nostri Professionisti, ai nostri Esperti e di dialogare direttamente anche con gli utenti finali, guidandoli nella ricerca dei punti vendita, nella scelta dei prodotti, nello sviluppo e nell’apprendimento delle modalità di gestione dei propri animali domestici.  Anche per Aries questa edizione di “Zoomark 2017” sarà un bel momento di mercato e di confronto con tutti gli imprenditori che, in Italia e all’estero, sono impegnati in questo splendido settore lavorativo.  Vi aspettiamo a “Zoomark 2017”  allo Stand Aries srl per un’edizione che già promette di riscuotere un grande successo”. Appuntamento a tutti al  Pad. 14 Stand A22 presso lo stand Aries srl. Vi aspettiamo!

Chi di noi animalisti o possessori di animali domestici, non si è mai imbattuto in “invasioni” da parassiti esterni tipici dei nostri territori. I parassiti sono piccoli organismi che possono attaccare l’animale e trascorrere la loro vita sul pelo (o introdursi nel suo organismo all’interno di vari organi e tessuti) provocando patologie anche gravi. In questo articolo ci occuperemo solo dei parassiti esterni, quelli del pelo per intenderci, meno pericolosi di quelli che attaccano l’interno dell’organismo animale, ma comunque insidiosi e dannosi. E’ sottointeso che in caso di parassitosi esterna la tempistica di intervento e soprattutto il modo adeguato di trattare l’infestazione, sono determinanti. I parassiti possono colpire gli animali in tanti modi, provocando prurito, bruciore e dolore e in questo caso l’animale cerca di lenire il fastidio leccandosi, grattandosi o morsicandosi e nel peggiore dei casi possono arrivare a procurarsi escoriazioni o la perdita di pelo. Con l’arrivo della primavera inizia la stagione della prevenzione dei parassiti del cane e del gatto. In effetti durante questa splendida stagione le giornate si allungano, il sole è sempre più presente e più caldo e queste condizioni climatiche particolarmente favorevoli stimolano proprietari e cani a trascorrere più tempo in ambiente esterno per fare lunghe passeggiate all’aria aperta.
Proprio le calde temperature però favoriscono anche la riproduzione e l’aumento dei parassiti esterni (soprattutto pulci e zecche) del cane e del gatto. Tra quelli più diffusi ci sono i parassiti del pelo, che proprio in questo periodo possono attaccare il corpo dei nostri piccoli grandi amici, dall’esterno. Tra i più comuni troviamo i pidocchi, le pulci, le zecche, che non sono per loro natura “cattivi” ma sicuramente ospiti indesiderati dei mantelli dei nostri animali domestici. Questi piccoli parassiti esterni, sicuramente tra i più diffusi e odiati dai nostri animali domestici, vanno conosciuti bene, ma con un po’di pratica, si riesce ad individuarli. Per debellarli si può ricorrere al “fai da te” acquistando prodotti possibilmente naturali e specifici (No Flay, Citrus Bergamia, ndr) che sicuramente aiutano noi proprietari. Se gli animali vivono in casa, meglio ricorrere ad una ben fatta disinfezione fatta da un professionista: da questo punto di vista e generalmente risolutivo l’intervento del Toelettatore che saprà trattare e risolvere il problema, fino dai primi segnali. Non sottovalutate mai l’attacco dei parassiti esterni che in particolari condizioni climatiche o fisiologiche nelle quali si trova l’animale attaccato, possono trasformarsi in vere e proprie “invasioni” facilmente trasmissibili agli ambienti della casa o a voi stessi. www.ariessrl.eu

Vi siete mai chiesti qual è l’animale più pulito? Sicuramente il gatto è tra i primi, se non il primo in assoluto. Cani e gatti sono animali in genere puliti e che dedicano parte del loro tempo a pratiche igieniche per eliminare sporco e parassiti, lisciare la pelliccia e districare i picco
li nodi che a volte si formano e districare i piccoli nodi che a volte si formano sul mantello. Certo, i nostri amici sanno come prendersi cura di loro stessi, tuttavia anche noi compagni a due zampe possiamo fare molto per l’igiene e la bellezza dei nostri amici a quattro corner-570x305-orizzontalezampe. Perché un micio o un cane pulito e in ordine non solo sono più sani, ma sono sicuramente anche più belli e gradevoli da carezzare. Troppe persone che conosco, veri e propri appassionati di cani, sostengono che lavare troppo spesso il mantello degli animali, non sia una buona abitudine. In effetti i loro cani sono inavvicinabili, specialmente quando piove e il pelo si bagna. Un’abitudine questa molto diffusa tra cinofili, che ovviamente non condividiamo. La scusante è quella di salvaguardare la salute del pelo e dell’animale stesso: molto discutibile come pretesto. I cani e i gatti hanno bisogno di spazzolate periodiche piuttosto frequenti e operazioni di toelettatura straordinarie. Se il nostro amico ha pelo lungo bisogna essere molto diligenti e impiegare ogni giorno parte del nostro tempo a spazzolare il nostro amico, magari con una bella spazzola a punte arrotondate se il pelo è molto setoso, con il cardatore in caso di pelo arricciato, oppure con i pettini specifici per pet, che hanno il pregio di rimuovere i peli morti senza danneggiare il mantello. Questa operazione è molto importante perché oltre a rendere la pelliccia più lucida e fluente ha anche il pregio di riattivare la microcircolazione e, se l’animale è stato correttamente abituato fin da cucciolo ad essere manipolato per le operazioni di igiene e pulizia, ha anche un’azione rilassante. Ottimi in questo caso i prodotti specifici Aries per la toelettatura degli animali, gli shampoo specifici, iperdistricanti per i nodi del pelo, tutti a base naturale con Aloe. Ottimo anche il Balsamo specifico e gli Spray della linea Break-Up, molti dei quali senza risciacquo. Per chi ama tenere sempre in forma il proprio partner animale, i lavaggi e la frequenza delle operazioni di spazzolatura sono comunque variabili. I cani a pelo corto ad esempio, hanno bisogno di meno cure rispetto ai loro cugini a pelo lungo, che dovrebbero essere spazzolati con cura dopo ogni passeggiata per accertarci che nel mantello non rimangano impigliati pezzetti di sporcizia o le pericolose spighette di avena selvatica, che possono addirittura penetrare nella cute, nelle orecchie e nelle vie respiratorie del nostro amico facendo grossi danni. Nei cani a pelo lungo e con folto sottopelo la spazzolatura quotidiana dovrebbe essere fatta in direzione coda-testa sul dorso e nella direzione opposta sui fianchi. A volte è difficile sbrogliare i nodi e per questo può essere d’aiuto un prodotto districante, da applicare prima delle operazioni di spazzolatura quotidiana. Volere bene ai nostri piccoli e grandi amici animali e una questione di cultura personale e di altruismo. Non voglio dire che l’affetto si possa valutare in “spazzolate o in spazzolatura” ma sicuramente chi non lo fa è non ne sente la necessità, non credo abbia un buon rapporto con il proprio “alter ego” a quattro zampe.

Quando in casa c’è un animale e ci sono anche dei bambini, che da ottimi compagni di gioco, si scambiano reciprocamente effusioni, oppure quando il cane o il gatto servono anche per colmare la solitudine di una persona anziana, per scelta (e a volte per moda), con sempre maggiore frequenza gli animali entrano nelle nostre case e con loro instauriamo uno stretto rapporto di convivenza. E’ importante però che tale rapporto, specialmente quando si svolge entro le mura domestiche, sia correttamente concepito ed impostato. Il primo obbligo per chi vive con un animale è quello di accudirlo nel modo migliore e mantenerlo in buona salute. In questo modo si scongiura il pericolo di trasmissione di alcune malattie. Lleccata-di-canee malattie trasmesse dagli animali sono chiamate, nel loro complesso, zoonosi. Le zoonosi conosciute sono molte, ma, fortunatamente, per la maggior parte di esse il rischio infettivo per l’uomo è molto basso. Alcune sono confinate in prevalenza a limitate aree geografiche o interessano determinate categorie di persone (es. rabbia, leptospirosi,ecc.), altre hanno una diffusione più ampia e interessano anche l’ambito domestico (es.parassitosi, toxoplasmosi). Capitolo a parte quando in alcuni soggetti predisposti, la presenza di un animale in casa può essere causa di allergie respiratorie. Proprio per questo motivo, conoscere i rischi potenziali di questa bellissima convivenza, non deve né allarmare né dissuadere chi desidera avere un cane o un gatto, né tantomeno spingere gli incoscienti ”a disfarsene” se i problemi persistono o non si vogliono risolvere.  Mettere in pratica semplici norme igienico-sanitarie che, di solito, bastano da sole a salvaguardare la salute di chi convive con l’animale, è molto più semplice di quello che si pensa.  E’ notizia ormai diffusa quella che un emerito studioso ha pronunciato in occasione di interviste pubbliche sul tema “non permetterò mai ad un animale di leccarmi la faccia”. questa una delle frasi pronunciate da Neilanjan Nandi, professore di medicina alla Drexel University College of Medicine di Philadelphia.  Oppure “la bocca di un cane è un contenitore di virus e batteri, evitate baci e contatti diretti”, che sempre lui ha scritto. “In realtà è meno pericoloso che baciare un’altra persona – spiega Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università di Milano e direttore sanitario dell’Istituto Galeazzi – perché il nostro organismo è più predisposto a ricevere infezioni tipiche dell’uomo”. Per evitare spiacevoli inconvenienti e per godere a pieno dell’affetto di un cane o di un gatto, basta prendere delle semplici precauzioni. Ne descriviamo solo alcune che sembrano scontate ma non lo sono affatto.

  • Nella scelta di un animale da compagnia escludere gli animali selvatici o esotici. Oltre ad avere problemi di ambientamento che li rendono più vulnerabili, potrebbero essere portatori di malattie di difficile identificazione.
  • Mantenere gli animali in buona salute e ben curati; sottoporli ai cicli vaccinali previsti e portarli dal veterinario periodicamente per visite di controllo. Saltuariamente, un esame microscopico delle feci è opportuno per la ricerca di vermi.
  • Eliminare i parassiti (pulci, zecche) dall’animale domestico con gli appositi prodotti, seguendo attentamente le modalità d’uso e le avvertenze allegate per evitare la comparsa di fenomeni tossici nell’animale e nell’uomo. In commercio ci sono antiparassitari (in spray, fialette spot-on) che forniscono una protezione prolungata o che interferiscono con il ciclo riproduttivo delle pulci. E’ consigliabile utilizzare gli spray, oltre che sull’animale, anche su tappeti e moquette. Le uova e i parassiti adulti possono infatti sopravvivere anche nell’ambiente e costituire una fonte di reinfezione per l’animale (normalmente i prodotti in commercio non rovinano i tessuti ma è sempre prudente provare prima in una zona poco visibile).
  • Ricordarsi che per i collari antiparassitari l’efficacia protratta nel tempo non è attualmente
    dimostrata.

Chi scegli di Avere fedele un amico e sempre disponibile nella vita di tutti i giorni, finirà sicuramente, prima o poi, per scegliere un cane. Vi sembra esagerata come ipotesi? Sappiate che non lo è! Certo é una scelta che va meditata, un cane o comunque un animale adottato, deve essere accudito, curato, educato. Ed e proprio da quest’ultimo punto che vorremo iniziare l’articolo. Avrete sicuramente sentito dire che “un cane felice un cane educato”. Molti, noi compresi, invece crediamo che un cane felice non sia un cane educato”: un cane sereno e soddisfatto della propria vita infatti è molto più predisposto ad icane-amicomparare e collaborare con noi. Sappiamo del nostro amico a quattro zampe, quali sono i Suoi bisogni, le sue vere necessità e se comunica con noi e con i suoi simili? Qual é il suo modo di apprendere e quindi qual’é il metodo migliore per insegnargli qualcosa. A tale scopo vi consigliamo apertamente un bellissimo libro – Un cane per amico di Simone della Valle, che grazie alla sua esperienza sul campo, ci guida con sorriso aperto e mano ferma nel training del nostro cane, attraverso una serie di esercizi spiegati e illustrati passo dopo passo dopo. Il cane vostro acquisirà così un bagaglio di competenze individuali da applicare nelle occasioni di tutti i giorni: dal momento della pappa alla passeggiata al guinzaglio, dalla discesa dall’auto all’interazione con gli altri Cani, fino a Bon Ton. Quelle situazioni in cui non possiamo occuparci di lui perché siamo presi da altri impegni. Seguendo il metodo di Simone, Profondamente rispettoso della natura di ciascun animale e contrario ad ogni forma di violenza, potremo instaurare una relazione veramente appagante con il nostro migliore amico e impostare una gestione della nostra vita insieme che garantisca il benessere di entrambi. L’alternativa sono i corsi di addestramento proposti da molti Allevamenti o da Istruttori Qualificati, il che con metodi diversi ma simili tra loro, educheranno i vostri amici animali al bon ton della vita. Un amico se educato, si apprezza di più.